Contenido principal del artículo

Clara Stella
University of Oslo
Suecia
Vol. 14 (2020), Artículos, Páginas 61-72
Cómo citar

Resumen

Eleonora Falletti, originaria della Savoia, ha vissuto la sua vita nel Monferrato e a Savona. Quello della Falletti è un nome interessante nel panorama della scrittura petrarchistica femminile. Eleonora ha personificato l’allegoria della «Virtù» nelle Imagini di Betussi (1556), ed è al centro del dialogo che prende il suo nome, la Leonora appunto (1557), scritto da Betussi e ambientato presso la piccola corte di Eleonora a Melazzo, nella storica zona del Monferrato. Nel 1559 riappare come autrice di un corposo gruppo di sonetti, composto da 21 poesie, stampato nell’antologia delle Rime di donne curata da Lodovico Domenichi. L’articolo si concentra sul personaggio di Eleonora così come viene recepito nei trattati contemporanei, segue poi lo sviluppo del suo rapporto, a distanza, con il mondo dell’Accademia delle Fenici di Milano e il mini-canzoniere della poetessa nelle Rime di donne. Questo include sonetti autobiografici e amorosi e poesie dal taglio più simbolico e rarefatto attorno al tema dell’alma pianta.

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.

Detalles del artículo

Citas

Agnesod, M. T. (1979). Eleonora de la Ravoire Falletti, poetessa casalese del XVI secolo. (Tesi di laurea). Archivio Storico dell’Università di Torino.

Albonico, S. (1990). Il ruginoso stile: poeti e poesia in volgare a Milano nella prima metà del Cinquecento. Milano: Angeli.

Alighieri, D. (1966-1967). La Commedia, secondo l’antica vulgata, 3 voll. G. Petrocchi (a cura di). Milano: Mondadori.

Bazzano, N. (2012). «Giovanna d’Aragona: ritratti di gentildonna tra idealizzazioni letterarie e tensioni religiose». In J. M. Millan, M. Rivero Rodriguez e G. Versteegen (a cura di), La Corte en Europa: Politica y Religion (Siglos xvi-xviii (pp. 1-15). Madrid: Polifemo.

Betussi, G. (1556). Le imagini del tempio della signora Giovanna d’Aragona. Firenze: Lorenzo Torrentino.

— (1557). La Leonora. Ragionamenti sopra la vera bellezza. Lucca: Vincenzo Busdraghi.

Boccignone, M. (2000). «Un albero piantato nel cuore (Iacopone e Petrarca)». Lettere Italiane, vol. 52, pp. 225-264.

Contile, L. (1560). Le rime di messer Luca Contile, divise in tre parti. Venezia: Sansovino.

— (1564). Delle lettere di Luca Contile primo volume diviso in due libri. Pavia: Girolamo Bartoli ad instantia di Gio. Battista Turlini libraio.

Cox, V. (2016). «Members, Muses, Mascots: Women and the Italian Academies». In J. E. Everson, D. V. Reidy e L. Sampson (a cura di), The Italian Academies 1525-1700: Networks of Culture, Innovation and Dissent (pp. 132-169). Cambridge: Legenda.

D’Alessandro, A. (1978). «Prime ricerche su Lodovico Domenichi». In A. Quondam (a cura di), Le corti farnesiane di Parma e Piacenza (1545-1622) (pp. 171-200), vol. 2. Roma: Bulzoni.

Dialeti, A. (2004). «The Publisher Gabriel Giolito de’ Ferrari, Female Readers, and the Debate about Women in Sixteenth-Century Italy». Renaissance and Reformation, vol. 28, n. 4, pp. 5-32.

— (2011). «Defending Women, Negotiating Masculinity in Early Modern Italy». The Historical Journal, vol. 54, n. 1, pp. 1-23.

Domenichi, L. (1549). La nobiltà delle donne di M. Lodovico Domenichi. Venezia: Gabriele Giolito.

— (a cura di) (1559). Rime diverse d’alcune nobilissime, et virtuosissime donne, raccolte per M. Lodovico Domenichi, e intitolate al Signor Giannoto Castiglione gentil’huomo milanese. Lucca: Vincenzo Busdraghi [Sigla: rd].

Garavelli, E. (2004). Lodovico Domenichi e i «Nicodemiana» di Calvino: storia di un libro perduto e ritrovato. Manziana: Vecchiarelli.

Il sesto libro delle rime di diversi eccellenti autori, nuovamente raccolte, et mandate in luce. Con un discorso di Girolamo Ruscelli (1553). Venezia: Giovan Maria Bonelli.

Jaffe, B. I. e Gernando, C. (a cura di) (2006). Giuseppe Betussi and Eleonora Falletti: Polygraph and Poet at the Dawn of Popular Literature. New York: Gravida.

Luigini, M. F. (1554). Il libro della bella donna, composto da messer Federico Luigini da Udine.Venezia: Plinio Pietrasanta.

Maylander, M. (1926). Storia delle accademie d’Italia, vol. 2. Bologna: L. Cappelli Editore.

Nadin Bassani, L. (1992). Il poligrafo veneto Giuseppe Betussi. Padova: Antenore.

Nuovo, A. e Coppens, C. (a cura di) (2005). I Giolito e la stampa nell’Italia del xvi secolo. Ginevra: Droz.

Petrarca, F. (1974). Canzoniere. G. Contini (a cura di). Torino: Einaudi [Sigla: RVF].

— (1996). Canzoniere. M. Santagata (a cura di). Milano: Mondadori.

Pich, F. (2014). «“Con la propria mia voce parli”. Literary Genres, Portraits, and Voices in Giuseppe Betussi’s Imagini del tempio (1556)». Italian Studies, vol. 69, n. 1, pp. 51-74.

Robin, D. (2007). Publishing Women: Salons, the Presses, and the Counter-Reformation in Sixteenth-Century Italy. Chicago-Londra: University of Chicago Press.

Rocchetta, A. (1558). Rime di M. Agostino Rocchetta. Firenze: Lorenzo Torrentino.

Ruscelli, G. (1552). Lettura sopra un sonetto del March. della Terza alla Marchesa del Vasto. Venezia: Giovan Griffio.

— (a cura di) (1558). I fiori delle rime de’ poeti illustri, nuouamente raccolti et ordinati da Girolamo Ruscelli. Con alcune annotationi del medesimo, sopra i luoghi, che le ricercano per l’intendimento delle sentenze, o per le regole et precetti della lingua, et dell’ornamento. Venezia: Sessa fratelli.

Tondelli, L. (1953). Il libro delle figure dell’abate Gioachino da Fiore. Introduzione e commento; le sue rivelazioni dantesche, vol. 1. Torino: Società editrice internazionale.

Vendramin, G. (1552). Quattro capitoli del caualier Vendramini academico Phenicio. Milano: Valerio Meda e fratelli.