Il valore dei valori nella pubblicità italiana come ambito per l’apprendimento della lingua

  • Loreta de Stasio
    Universidad del País Vasco
  • Loreta de Stasio
    Universidad del País Vasco

Resumen

Nella nostra esperienza didattica della lingua italiana, ci siamo avvalsi spesso di annunci pubblicitari italiani che si sono rivelati utili per comparazioni interculturali; e soprattutto per stimolare la consapevolezza critica di alcuni valori sociali e della loro manipolazione dai media. A tal scopo, ci siamo concentrati sui valori tematici e figurativi considerati a partire dalle strategie discorsive in uso nelle pubblicità corrispondenti, in modo da descrivere la loro valenza. Durante le lezioni di lingua italiana, l’analisi è stata spesso concepita in modo euristico, soffermandoci sui risultati per poi ipotizzare cause storiche di tipo culturale, sociologico, politico ed economico.
  • Referencias
  • Cómo citar
  • Del mismo autor
  • Métricas

Courtney, A. E. e Whipple, T. W. (1983). Sex stereotyping in advertising. Lexington: Lexington Books.

De Stasio, L. (1997). Comunicazione e marketing: semiotica e ideologia (Tesi di dottorato). Università degli studi di Bari, Facoltà di lingue e letterature straniere, Bari. Recuperato il 20 aprile 2021, in https://opac.bncf.firenze.sbn.it/bncf-prod/resource?uri=tsi9702362&v=m21.

Douglas, M. e Isherwood, B. (1978). The World of Goods. New York: Basic Books.

Epstein, E. (1982). The Rise and Fall of Diamonds. New York: Simon & Schuster.

Gilly, M. C. (aprile 1988). «Sex roles in advertising». Journal of Marketing, vol. 52, pp. 75-85.

Goffman, E. (1979). Gender Advertisements. New York: Harper and Row.

Goldman, R. (1992). Reading ads socially. Londra: Routledge.

Lacan, J. (1949). «Lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell’io». In G. Contri (a cura di), Scritti. (1974) (pp 87-94.), vol. i. Torino: Einaudi.

Lombardi, M. (2017). Strategie in pubblicità. Milano: FrancoAngeli.

Meyrowitz, J. (1993). Oltre il senso dello spazio. L’impatto dei media elettronici sul comportamento sociale. Bologna: Baskerville.

Rossi Landi, F. (2003). Il linguaggio come lavoro e come mercato: una teoria della produzione dell’alienazione linguistiche. Milano: Bompiani.

Traini, S. (2008). Semiotica della comunicazione pubblicitaria. Milano: Bompiani.

Wardle, J. (settembre 1995). «The good, the bad, the ugly». Admap, pp. 26-29. Recuperato il 20 aprile 2021, in https://www.warc.com/fulltext/admap/3765.htm.

Williamson, J. (1978). Decoding Advertisements. Londra: Marion Boyars.

de Stasio, L., & de Stasio, L. (2022). Il valore dei valori nella pubblicità italiana come ambito per l’apprendimento della lingua. Revista De La Sociedad Española De Italianistas, 15, 193–210. Recuperado a partir de https://revistas.usal.es/dos/index.php/1576-7787/article/view/29863

Descargas

Los datos de descargas todavía no están disponibles.
+